Vai al contenuto della pagina

Test su cinghie, cinture, funi e cordami

DIN EN ISO 2307, DIN EN 1492, DIN EN ISO 252, DIN EN ISO 283

Senza praticamente rendercene conto, entriamo in contatto tutti i giorni con cinghie, cinture, funi e cordami. Questi elementi sono sottoposti a carico costante e devono soddisfare determinate caratteristiche di qualità per poter svolgere le loro funzioni di sicurezza in modo affidabile (ad esempio, cinture di sicurezza, funi da arrampicata e nastri trasportatori). In condizioni di applicazione realistiche, sono necessarie complesse configurazioni di prova, afferraggi speciali e risultati affidabili, tutti requisiti ampiamente soddisfatti dal portfolio prodotti ZwickRoell.

Nome Tipo Dimensione Download
  • Brochure settore industriale: Materiali tessili PDF 4 MB

Prove di trazione su funi secondo EN ISO 2307

I test sulle funi richiedono una certa esperienza. Lo srotolamento al momento del bloccaggio deve essere evitato il più possibile o limitato al minimo.

Il provino viene inserito in modo ergonomico, rapido ed accurato attraverso un principio di avvolgimento. Il provino viene bloccato solo alle estremità, rendendo questo principio ideale per superfici molto sensibili. Il provino viene centrato automaticamente tramite un anello di centraggio e la tensione di trazione su di esso viene ridotta dal contatto per attrito sul rullo di riduzione del carico. Il fissaggio finale avviene meccanicamente tramite una vite (possibilmente con forza maggiore), un cuneo o un elemento di serraggio idraulico.

Anche l'applicazione delle marcature sulla superficie dei provini intrecciati può essere difficoltosa. Inoltre, in considerazione dell'energia rilasciata quando la fune si rompe, è essenziale un sistema di misura ottico a lunga corsa non a contatto, in quanto la deformazione misurata attraverso la corsa della traversa non può essere definita con precisione. La gamma ZwickRoell di afferraggi a deflessione (capstan grips) e afferraggi per funi, insieme ad un sistema di misura non a contatto a lunga corsa, forniscono la soluzione ideale.

Prove di trazione su cinture secondo EN ISO 1492

I produttori di cinture ed equipaggiamenti di sicurezza utilizzano i sistemi di prova ZwickRoell per determinare la resistenza dei loro prodotti (con e senza fibbia). La prova di trazione richiede afferraggi speciali e un alloggiamento di sicurezza resistente agli urti.

In una prova diversa, viene determinata la forza di azionamento della cintura di sicurezza (a vuoto e con carico di trazione). In questa prova, il provino viene arrotolato nel rullo dell’afferraggio e tenuto in posizione da solo. Poiché non viene utilizzato un metodo di fissaggio convenzionale, questo sistema è consigliato anche per i provini sensibili al serraggio. Attraverso il movimento dei rulli il materiale del provino viene bloccato in modo indipendente a causa del contatto per attrito.

In alternativa, per i test su cinghie e cinture si utilizzano anche gli afferraggi a deflessione (capstan grips). I campioni vengono bloccati in modo rapido e semplice. Queste morse sono usate con materiali sottili e sensibili alle forze di serraggio e per prevenire la rottura delle guancette o evitare lo scivolamento del provino durante i test di trazione. La curva di riduzione della forza riduce la resistenza alla trazione prima del serraggio finale. Il provino viene tenuto in modo sicuro evitando la rottura delle guancette, così il test può essere eseguito secondo la norma. Il provino deve rompersi nella lunghezza di serraggio libera e non nelle zone di deflessione. Per consentire la misura dell'allungamento, è necessario utilizzare anche in questo caso un estensimetro ottico, poiché quando il provino si rompe vengono rilasciate elevate energie e la deformazione misurata attraverso la corsa della traversa non può essere definita con precisione.

Test di adesione per la determinazione dell’adesione tra gli elementi costitutivi secondo DIN EN ISO 252

La prova di adesione determina l'adesione tra gli elementi costitutivi di articoli come i nastri trasportatori. Il provino viene preparato secondo la norma DIN EN ISO 252. Il primo strato viene rimosso da una delle estremità del provino tagliato longitudinalmente e fissato negli afferraggi. Per determinare la forza di adesione tra gli strati e tra le coperture e gli involucri dei nastri trasportatori, la norma definisce due metodi di prova, A e B; le condizioni di prova di base sono conformi alla ISO 36. La prova si applica a tutti i tipi di nastri trasportatori, ad eccezione dei nastri con rinforzo in corda d'acciaio e dei nastri rinforzati in tessuto, con carico di rottura nominale inferiore a 160N/mm.

Prove di trazione su cinture secondo EN ISO 283

La norma applicata, DIN EN ISO 283, specifica un metodo di prova per determinare la resistenza alla rottura, la deformazione a rottura e la forza dei nastri trasportatori a pieno spessore. Un provino ricavato dallo spessore del nastro trasportatore viene allungato fino a rottura utilizzando una macchina per prove di trazione. Per tenere il provino sono necessarie elevate forze di serraggio individuali. Si usano morse idrauliche con inserti di guancette adatte. Per l’accuratezza di misura è necessario un sistema di misurazione dell’estensione. Un sistema di misura meccanico dovrebbe essere usato solo quando non esiste il rischio di danni nel momento della rottura del provino.

Prodotti correlati

Cerchiamo e troviamo la soluzione di prova più adatta alle tue esigenze.

Mettiti in contatto con i nostri esperti.

Saranno lieti di aiutarti!

 

Contattaci

Top