Vai al contenuto della pagina

ASTM F543 e ISO 6475 Prove su viti ossee

L'osteosintesi è una pratica chirurgica tramite la quale si uniscono e rendono stabili i frammenti ossei di una frattura - prove su viti ossee 

Nome Tipo Dimensione Download
  • Brochure settore industriale: Medicale PDF 6 MB

Caratteristiche delle viti ossee

  • Le prove su viti ossee in accordo con ASTM F543 fanno riferimento a quattro prove meccaniche in uso clinico semplificato. Le proprietà primarie coinvolte includono la resistenza alla torsione, il comportamento di inserimento e rimozione, la forza di estrazione e le prestazioni autofilettanti delle viti ossee mediche.
  • I metodi specificano un test multi-assiale in cui alla vite ossea viene applicato un precarico costante e viene generato un moto torsionale sovrapposto. Questa sequenza di movimento, complessa in termini di tecnologia di controllo, può essere implementata in modo semplice e intuitivo con le macchine statiche di prova ZwickRoell.
  • Il programma di prova opzionale Master testXpert® "Valutazione delle prove medicali" fornisce una valutazione automatica e conforme alle normative del test. I relativi risultati vengono utilizzati nel controllo qualità o nella comparazione tecnica delle singole forme delle viti.

A1. METODO DI PROVA PER LA DETERMINAZIONE DELLE PROPRIETÀ TORSIONALI DELLE VITI OSSEE METALLICHE

Descrizione

  • Le viti ossee vengono allineate tramite un dispositivo ausiliario e inserite in tubi appositi in modo che sporgano cinque filetti, o il 20 % della filettatura
  • I tubi idonei sono inseriti direttamente nella macchina di prova
  • Le punte a vite sono montate tramite un mandrino ad azione rapida e la vite viene azionata ad una velocità di prova da 1 a 5 rpm in accordo con la normativa. Se necessario, è possibile applicare un precarico assiale costante.

Risultato

  • Torsione sull'angolo per tutta la durata della prova
  • Forza assiale sulla corsa per tutta la durata della prova
  • Resistenza alla torsione
  • Torsione massima
  • Angolo a rottura.

Vantaggi

  • Nessun danneggiamento precedente delle viti ossee mediante bloccaggio
  • Fissaggio centrato privo di tensione delle viti ossee
  • Sistema integrato per test simultaneo su sei viti ossee
  • Possibilità di riutilizzo multiplo del tubo.

A2. METODO DI PROVA PER TORSIONE DI SPOSTAMENTO DELLE VITI OSSEE MEDICALI

Descrizione

  • Le viti ossee vengono inserite e rimosse da un blocco di prova (talvolta preforato); specifiche in accordo con ASTM F1839; serraggio tramite afferraggi
  • Le punte a vite sono montate tramite un mandrino ad azione rapida e la vite viene azionata ad una velocità di prova da 1 a 5 rpm in accordo con la normativa. Se necessario, è possibile applicare un precarico assiale costante
  • Sono necessari almeno quattro giri di vite.

Risultato

  • Inserimento/rimozione torsione sull'angolo per tutta la durata della prova
  • Forza assiale sulla corsa per tutta la durata della prova.

Vantaggi

  • Semplice performance di prova e valutazione tramite II software testXpert.

A3. METODO DI PROVA PER LA DETERMINAZIONE DELLA REISTENZA DI PULLOUT ASSIALE DELLE VITI OSSEE MEDICALI

Descrizione

  • Le viti ossee sono posizionate in un blocco di prova (come da ASTM F1839) ad una velocità di inserimento di 3 rpm per 20 mm o per il 60% della lunghezza del filetto
  • La testa della vite viene tirata dal blocco di prova a una velocità di 5 mm/min.

Risultato

  • Forza assiale di trazione contro corsa per tutta la durata della prova
  • Forza trazione massima.

Vantaggi

  • Accesso frontale libero agli afferraggi per il facile inserimento delle viti ossee
  • Asse di trazione auto centrante.

A4. METODO DI PROVA PER LA DETERMINAZIONE DELLA PERFORMANCE AUTOFILETTANTE DELLE VITI OSSEE MEDICALI AUTOFILETTANTI

Descrizione

  • La vite ossea viene posizionata in un blocco di prova ad una velocità di rotazione continua di 30 rpm
  • La forza assiale viene aumentata di 2.0 N/s durante il processo di inserimento fino all'aumento della torsione o dello spostamento assiale
  • La forza assiale viene quindi mantenuta la forza assiale al "punto di stacco" e vengono completati almeno 5 giri di vite
  • Se la vite ossea non si allontana dopo almeno 5 giri, è consentito un ulteriore aumento della forza assiale a 2.0 N/s
  • La procedura viene quindi ripetuta dal nuovo "punto di stacco" fino al compimento di almeno 5 giri di vite validi.

Risultato

  • Torsione inserimento sull'angolo per tutta la durata della prova
  • Forza assiale sulla corsa per tutta la durata della prova
  • Forza assiale richiesta per l'inserimento di una vite ossea autofilettante nel blocco di prova.

Vantaggi

  • Forza assiale richiesta per l'inserimento di una vite ossea autofilettante nel blocco di prova
  • Valutazione integrata tramite software testXpert® II.

Test di torsione su viti ossee

Test di torsione su viti ossee con macchina di prova materiali zwickiLine

Cerchiamo e troviamo la soluzione di prova più adatta alle tue esigenze.

Mettiti in contatto con i nostri esperti.

Saranno lieti di aiutarti!

 

Contattaci

Top