Vai al contenuto della pagina

Materiali termoplastici e termoindurenti da stampaggio

  • Uno degli aspetti più importanti della caratterizzazione dei materiali da stampaggio è la riproducibilità dei risultati delle prove interlaboratorio.
  • A tal proposito vengono specificati in dettaglio elementi come: produzione del provino, forma del provino e sequenza di prova,
  • dando un’attenzione particolare sia alla riproducibilità che alla ripetibilità.
  • Nel campo del controllo qualità, il criterio di valutazione essenziale è il cambiamento nel tempo dei valori misurati.
Nome Tipo Dimensione Download
  • Brochure settore industriale: Materie plastiche e gomma PDF 9 MB

Prove importanti nella caratterizzazione dei materiali da stampaggio

Prove di trazione

ISO 527-1, ISO 527-2, ASTM D638
Prova di trazione su polimeri: ISO 527-1/-2 and ASTM D638: resistenza a trazione, deformazione, modulo di trazione, punto di snervamento, punto di rottura, coefficiente di Poisson. Scopri tutto ciò che riguarda lo scopo del test e i relativi prodotti.
a Prove di trazione

Prove di impatto

Varie normative tra cui: ISO 179, ASTM D6110, ISO 180, ASTM D256
In questa sezione troverai le informazioni relative alle prove Charpy (ISO 179-1), Charpy strumentate (ISO 179-2), Izod (ISO 180), di trazione a impatto (ISO 8256) e di punzonatura (ISO 6603-2).
a Prove di impatto

Prove di flessione a 3 punti

ISO 178
Le prove di flessione a 3 punti descritte nelle normative ISO 178 e ASTM D 790 rappresentano metodi classici di caratterizzazione dei materiali plastici rigidi e semirigidi. I risultati di flessione tipici includono il modulo di flessione, la sollecitazione al 3,5 % della deformazione, le sollecitazioni e deformazioni al punto di snervamento e alla rottura del provino.
a Prove di flessione a 3 punti

Prove per la determinazione dell'indice di fluidità

ISO 1133
Determinazione dell'indice di fluidità in massa (MFR) e in volume (MVR) di materiali termoplastici caricati e non caricati secondo le normative ISO 1133-1 e -2, ASTM D1238 e normative simili.
a Prove per la determinazione dell'indice di fluidità

Determinazione di HDT VST

Varie normative tra cui: ISO 306, ASTM D1525, ISO 75, ASTM D648
Determinazione della temperatura di rammollimento a flessione (HDT) e temperatura di rammollimento Vicat (VST) in accordo alle normative ISO 306, ASTM D1525, ISO 75, ASTM D648
a Determinazione di HDT VST

Prova di durezza

ISO 7619-1, ISO 868, ASTM D2240, ISO 2039-1/-2, ASTM D785, ISO 19278
Esistono diversi metodi di prova usati per i test di durezza nell'industria delle plastiche. Qui di seguito descritti: Indentazione con sfera ISO 2039-1, durezza Rockwell ISO 2039-2, ASTM D785, prove di durezza strumentate ISO 14577-1, durezza Shore ISO 868, ASTM D2240, ISO 7619
a Prova di durezza

Prove di creep

ISO 899-1, ISO 899-2, ASTM D2990, ISO 16770
Prove di creep Per rappresentare il comportamento dopo lunghi tempi di esposizione allo sforzo, vengono eseguite solitamente le prove con una durata superiore alle 1000 ore, durante le quali viene registrata la deformazione del campione.
a Prove di creep

Automazione

L’automazione delle prove sui materiali da stampaggio in plastica riduce la dispersione statistica dei risultati di prova. ZwickRoell offre il giusto sistema di prova automatizzato per questa applicazione.
a Automazione

Cerchiamo e troviamo la soluzione di prova più adatta alle tue esigenze.

Mettiti in contatto con i nostri esperti.

Saranno lieti di aiutarti!

 

Contattaci

Top